La condivisione rimane sempre il migliore strumento di conoscenza.

Se hai sperimentato il coaching e vuoi condividere il tuo pensiero compila il form che trovi in fondo a questa pagina.
Stefano, impiegato. 43 anni

Un' esperienza fondamentale.
La consiglio a chiunque voglia migliorare la propria condizione, professionale nel mio caso, acquisendo nuovi strumenti e scoprendo nuovi approcci per affrontare le proprie difficoltà.


Milo, geometra, counselor. 39 anni

Il coaching con Paola è stata un'esperienza dirompente, una scoperta di risorse potenti.
Durante gli incontri, la visione di un guerriero legato a corde costituite da dubbi, timori e insicurezze ha preso una precisa forma.
Con il sostegno di Paola le corde si sono sciolte ed oggi il guerriero ha finalmente iniziato a correre verso le sue mete.
Grazie Paola


Amelia, mamma, moglie, ingegnere, coach. 47 anni

Ho conosciuto Paola durante il Professioanl Coaching Mastery e sono stata una delle sue prime coachee.
Il suo stile di coach e' diretto e intuitivo, ma nello stesso tempo caldo e coinvolgente.
Per me e' stato di impatto fortissimo. Con lei ho sentito di poter affrontare il tema che mi stava piu’ a cuore, il vero nodo mai sciolto della mia esistenza, fonte delle mie principali sofferenze emotive, il rapporto con mia madre.
Non ci e’ voluto molto, solo poche sessioni. Con lei ho trovato la chiave di lettura, e improvvisamente, peraltro contrariamente ad ogni mia reale aspettativa.. con un flash quasi abbagliante.. ho capito cosa fare!
GRAZIE, COACH!


LeoNilde Carabba, Artista/Pittrice. 73 anni

LA POTENZA DI ACCETTARE LA REALTA'

Il processo di coaching, che sto facendo con Paola, ha effetti immediati e sconvolgenti. Nel corso della mia lunga vita (73 anni all'anagrafe) la terapia reichiana ha modificato il mio corpo e la gestione della mia energia. L'analisi junghiana mi ha calato nel regno del simbolo. Il Movimento delle Donne mi ha insegnato la Rivolta - il Sanyas l'Accettazione. In me, che sono Artista da più di due terzi della mia Vita, continuavano a cozzare fra loro l'identità dell'Artista con quella del Manager. E pur convinta, dopo cinque anni tra New York e California, che il coaching mi potesse essere utile, mi aspettavo un aiuto pragmatico a gestire meglio il mio tempo, i miei saperi, le mie capacità, le mie relazioni e invece NO qui siamo nella Rivoluzione! La mia Testa pensa in modo nuovo, il mio Corpo, finalmente, si prende i suoi spazi perché è in co-creazione con la Mente, non suo vassallo e UDITE UDITE: IL COACHING è un processo altamente Spirituale perché la Spiritualità diventa Ideologia se non c'è la completa accettazione del nostro essere incarnati nel Mondo così com'è.




Lascia qui nel seguito il tuo commento:
Nome: *
Cognome:
Professione: Età:
Commento: